Lavoro a Budapest

Lavorare all'estero

Informazioni utili sull'Ungheria, Budapest ed offerte di lavoro all'estero

budapest

Lavoro a Budapest

C'è una parte d'Europa a cui non si pensa abbastanza quando si prende in considerazione di lavorare all'estero. Eppure c'è un paese, l'Ungheria, e una città, Budapest, che stanno facendo registrare molti segni positivi in molti parametri economici.

Non sono molti quelli che pensano a Budapest e all'Ungheria quando si pensa ad una esperienza lavorativa. Quando si pensa all'est, chissà, perché, si pensa ad un oriente più estremo. Invece l'Europa dell'est, per tanti motivi, è un mercato in cui c'è ancora moltissimo da fare, sia dal punto di vista della delocalizzazione delle industrie, sia dal punto di vista di un mercato interno che, per certi versi, si sta dimostrando meno immobile di molti altri. Lavorare a Budapest e in Ungheria, soprattutto in alcuni settori, è quindi non solo possibile ma interessante. Cominciamo con una panoramica della situazione economica del paese secondo alcuni dati ufficiali: dopo un periodo difficile coinciso più o meno con il 2009, i due anni successivi hanno fatto registrare un aumento del PIL che, nel 2011 è cresciuto ancora dell'1,7%. La crescita è dovuta ad una distribuzione piuttosto composita che vede una incredibile crescita del settore agricolo con un sorprendente +27% e di un onorevole + 5,7% del settore industriale. Un altro dato significativo è la crescita delle esportazioni che hanno avuto un incremento del 8%. Questi sono dati che, pensiamo, possono essere di un certo interesse per chi sta pensando di lavorare a Budapest e in Ungheria, dove l'industria, su base annua nel 2011 è cresciuta del 5,4%. Le migliori performance sono state fatte registrare dall'industria manifatturiera. Per una prima idea delle possibilità lavorative riteniamo sia significativo anche il dato relativo all'industria automobilistica i cui volumi sono cresciuti di quasi il 12%.
Offerte di lavoro a Budapest

Cresce il turismo

budapestInteressanti incrementi sono quelli che si sono registrati nel settore del turismo e in particolare nella città di Budapest. Mentre si è avuta una leggera flessione del turismo interno si è registrato un incredibile incremento delle presenze straniere (+6%) e dei pernottamenti (+3,2%). La città di Budapest, che è quella in cui si registrano oltre un terzo di tutte le presenze, si è registrato un aumento di quasi il 5%. Lavorare a Budapest quindi può essere particolarmente interessante per chi volesse cimentarsi in un'attività legata alla ricezione turistica. Gli alberghi, soprattutto quelli di qualità alta sono spesso alla ricerca di personale; e molti sono gli italiani che stanno aprendo qui ristoranti o aziende di produzione e commercializzazione di prodotti tipici.

Mercato del lavoro e aziende che assumono

Lavorare a Budapest e in Ungheria significa considerare che vi sono alcune grossissime aziende che, secondo un monitoraggio durato ben tre anni, hanno dato vita ad una vivace politica di investimento sulle risorse umane. Alcune di queste aziende a cui può valere la pena inviare un curriculum vi sono la Bosh Energy, la British Petroleum, la Siemens e la Tesco che, tra il 2009 e il 2011 ha ssunto la ragguardevole cifra di 1700 nuovi dipendenti.

Il mercato del lavoro ungherese è andato di pari passo con quello che, per il 2011 è stato considerato a tutti gli effetti un consolidamento dell'economia: mentre molti altri paesi europei fanno registrare decrementi in questo senso, in Ungheria e a Budapest si è registrato un incremento di quasi l'1%. e un calo della disoccupazione dello 0,2 su base annua. È importante considerare che i dati sono riferiti al 2011 non perché si sia in ritardo rispetto ad alcune analisi ma perché questo genere di calcoli viene fatto solo al termine dell'anno, quindi l'andamento del 2012 sarà analizzato l'anno prossimo. Un ultimo dato, sempre secondo quanto emerso dal Rapporto paese congiunto del 2011, il totale di persone occupate dalle imprese con più di 5 dipendenti e dalle organizzazioni pubbliche è aumentato dello 0, 4 %. Per quanto riguarda gli investimenti gli incrementi più significativi si sono registrati nella produzione di macchinari, in quella farmaceutica, nel settore dell'abbigliamento e nella produzione di articoli metallici. E stanno aumentando anche gli investimenti esteri con un saldo superiore di 1271 milioni di euro rispetto al 2010. Non si hanno ancora i dati del 2012 ma il Ministero dell'Economia sostiene che possano superare i 3 miliardi di euro. Per avere interessanti informazioni sull'economia e sul mercato del lavoro a Budapest e in Ungheria consigliamo di consultare il sito di Economia.hu - the online magazine of ITL Group.


Scrivici se hai domande o commenti su questa pagina

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nome *

Email *

Commento