Lavorare in Olanda

Lavorare all'estero

Informazioni utili sull'Olanda ed offerte di lavoro all'estero

olanda

Lavorare in Olanda

Uno dei tassi di disoccupazione più bassi di tutta l'eurozona, una politica fiscale fatta apposta per attrarre investimenti stranieri, e enorme attenzione al settore della ricerca: questi alcuni dei fattori che fanno dell'Olanda un interessante teatro professionale.

Perché lavorare in Olanda?

Molti sono i motivi che possono spingere verso la decisone di lavorare in Olanda e non ultimi quelli legati all'andamento generale della sua economia. Un andamento che, pur non potendo non risentire della crisi globale, sta facendo registrare numeri ben diversi da quelli italiani, anche la dove vi sono alcune contrazioni. Intanto diciamo che l'andamento dell'economia olandese ha avuto quasi tutti segni positivi per tutto il 2011 e solo quest'anno vi è stata una leggera contrazione per altro nell'ordine di uno 0,9%. Anche i dati riguardanti la disoccupazione, 4,9%, fanno dell'Olanda insieme all'Austria il paese europeo con il tasso di disoccupazione più basso. Il motivo per cui vi è stata una leggera contrazione dell'andamento economico è legato non tanto ad un problema strutturale dell'economia olandese quanto alla contrazione dei consumi esteri: e questo ha avuto qualche ripercussione su un paese la cui economia è molto ben radicata nell'export. Export che nel 2011 era per altro cresciuto ancora del 3,8% rispetto all'anno precedente. Offerte di lavoro in Olanda

Investire in ricerca
olanda

I motivi principali per cui l'economia olandese fondamentalmente tiene e per cui lavorare in Olanda può rappresentare una grossa opportunità sono sostanzialmente questi: infrastrutture, sconti fiscali per chi investe nella ricerca e una politica governativa che, attraverso un sistema fiscale conveniente, ha incoraggiato e stimolato gli investimenti esteri. Per quanto riguarda il settore della ricerca possiamo dire che sia quello tra i più ricchi di opportunità lavorative con figure professionali richieste che vanno dall'ambito universitario, all'IT, all'ingegneria, alla biotecnologia e alla tecnologia avanzata. Per questo l'Olanda ha stipulato una serie di accordi per portare avanti programmi bilaterali di ricerca e innovazione attraverso il coinvolgimento del Ministero per l'Istruzione e il NWO cioè l'Organizzazione Olandese per le Ricerche Scientifiche. Questo particolare fermento nel settore della ricerca fa dell'Olanda un terreno fertile anche per la nascita di nuove imprese innovative e star up.

Sistema fiscale

Il sistema fiscale è ciò che rende interessante non solo lavorare in Olanda ma anche investire. In questo paese infatti, tra le altre cose esiste quello che viene definito il parere fiscale preventivo, una sorta di accordo con cui le autorità fiscali sono vincolate a tassare in un modo ben determinato prima le attività dell'azienda e del contribuente. In questo modo un imprenditore sa subito quali sono i provvedimenti fiscali a cui dovrò adempiere in caso di uno specifico investimento. Nessuna spiacevole sorpresa quindi e maggiore incentivo ad investire. Il sistema fiscale olandese prevede anche alcune esenzioni sulle partecipazioni: cioè un'esenzione sui benefici che sono generati da una partecipazione societaria anche su suolo olandese. I benefici riguardano ovviamente i dividendi o le plusvalenze sui capitali. Ma questi sono solo alcuni dei vantaggi fiscali che stanno spingendo molte compagnie ad aprire in Olanda. Se si sta pensando ad una piccola compagnia la formula costitutiva migliore è la società individuale che, oltre alla possibilità di essere aperta velocemente, ha anche una contabilità semplificata e nessun obbligo di compilare e presentare un bilancio. Per raccogliere informazioni sulla costituzione di società uno dei siti migliori è companiesineurope.com.

Contratti di lavoro

Per quanto riguarda i contratti di lavoro il sistema olandese prevede una quasi totale contrattazione tra i lavoratori e le singole aziende, come avviene in quasi tutti i paesi del nord in cui il mercato del lavoro ha fatto della snellezza e della flessibilità il suo punto di forza. Per quanto riguarda la parte burocratica le pratiche sono decisamente veloci e richiedono una semplicissima registrazione ad un ufficio per stranieri chiamato vreemdelingendienst a cui bisogna recarsi con un documento di identità valido e un contratto d'affitto.
Una volta fatto questo si potrà chiedere il codice fiscale alla locale agenzia delle entrate chiamata belastingkantoor e, con questo aprire un conto in banca per l'accredito dello stipendio. Per lavorare in Olanda ci si può anche, eventualmente, rivolgere al servizio pubblico di collocamento e cioè il Centrum voor Wiskunde en Informatica.


partecipa alla green card lottery